Barclays Bank: incontro con l’Azienda

Il 17 aprile u.s. si è tenuto un nuovo incontro tra le OO.SS. e l’azienda con lo scopo di affrontare i numerosi temi che interessano la Banca e i lavoratori.
Tra questi, al momento sono stati trattati:
· Sistema di monitoraggio invio dati sensibili a indirizzi esterni (Vontu): si sta lavorando sulla modifica dell’attuale circolare che prevede un’informativa sugli alert delle email in uscita che contengono dati sensibili e che sono destinati a indirizzi mail esterni a Barclays senza l’utilizzo del codice “SECURE” nell’oggetto. Con la nuova modifica, ad essere interessato della violazione del sistema di sicurezza delle mail sarà direttamente il collega, che potrà provvedere direttamente alla rettifica dell’errore senza che venga comunicato al suo line manager. Le OO.SS. concordano sull’iniziativa anche a fronte di quanto espresso dai colleghi. Inoltre hanno segnalato i disservizi che il sistema pgp causa in questo momento nell’operatività quotidiana . Problemi tecnici che la Banca è invitata a risolvere.
· Performance Development: il sistema di valutazione sta per migrare on line (la migrazione è prevista per fine anno). Tale modifica è pensata nell’ottica del progetto One bank e ha l’obiettivo di garantire una maggiore formalizzazione del processo. Le OO.SS. raccomandano che il processo venga seguito da tutti i line manager nel rispetto dei valori e della procedura stessa. Inoltre, hanno evidenziato che lo stesso sarà efficace se fondato su una reale condivisione tra responsabile e collaboratore e se si baserà su una corretta e imparziale valutazione.
· Ferie: le OO.SS. hanno segnalato la necessità di ribadire l’approvazione del piano ferie da parte di tutti i line manager, rete inclusa. Tutto ciò innanzitutto ai sensi del CCNL e al fine di permettere una coerente pianificazione del periodo di ferie da parte dei lavoratori, soggetti talvolta a repentini cambiamenti di programmi imposti.
· Comunicazioni telefoniche: le OO.SS. segnalano la necessità di provvedere alla tutela dei colleghi che svolgono attività telefonica, organizzando sistemi ad hoc di monitoraggio e filtro delle chiamate. Di recente si segnalano infatti frequenti atteggiamenti aggressivi da parte di clienti che manifestano reclami e minacce telefoniche. L’azienda afferma che si attiverà a riguardo.
· Ridefinizione utilizzo Filiale Arconati: le OO.SS. sindacali rilevano che la ristretta operatività dedicata ai dipendenti della filiale di Arconati genera alcune criticità di utilizzo della stessa in particolare per i colleghi della rete. L’azienda si rende disponibile a valutare eventuali richieste ad hoc e trovare collegialmente soluzioni atte a minimizzare il disagio. Invitiamo a tal fine i colleghi a segnalare alle OO.SS. tali richieste.
· Piano di formazione finanziato: l’azienda ha presentato alle OO.SS. un piano di formazione finanziato attraverso il Fondo FBA e ha chiesto alle sigle di sottoscriverlo. Le organizzazioni sindacali riconoscono la validità e l’importanza del piano di formazione da erogare su tematiche tecniche e regolamentari e, tuttavia, ritengono che lo stesso debba essere attuato contestualmente a una serie di azioni volte a valorizzare i dipendenti e riconoscere i significativi contributi che gli stessi hanno fornito negli ultimi tempi. Soprattutto nei momenti di maggiore crisi e spinta commerciale.
Anche per questo, le OO.SS hanno ribadito la ferma volontà di rivedere il contributo di impegno solidaristico, oltre che lavorativo, dei colleghi tutti alla luce del mutato contesto illustrato dalla Banca nei recenti incontri con il Country Manager e CFO.
Ci riferiamo, in particolare, alla clausola relativa alle ex festività ridotte in un’ottica di un contributo solidaristico durante l’ultima procedura per aiutare la struttura tutta a superare un momento difficile. Evidenziamo, contemporaneamente, il mutato contesto e il numero di colleghi fuoriusciti dalla Banca dallo scorso giugno sino ad oggi, numero che ha di gran lunga superato il target previsto nell’ambito della procedura stessa, e che di contro mette in discussione la rilevanza dell’impegno previsto da parte delle unità di Business della Branch italiana.
Quindi, la richiesta unitaria da parte delle sigle sindacali è di rivedere il perimetro di applicazione condiviso.
Non ultimo, nella medesima ottica, le OO.SS. chiedono di riconsiderare la scelta unilaterale dell’azienda relativa all’assorbimento dell’EDR.
L’attuale situazione, infatti, come anche ricordato dal Country Manager Alessandra Perrazzelli, vede una luce in fondo al tunnel e, secondo le OO.SS. la possibilità di modifica di alcune condizioni dell’accordo, coerentemente con altre scelte che hanno contribuito a modificare l’impostazione prevista un anno fa e con un recupero di quanto ora non più coerente rispetto alla modificata situazione.
Questo argomento sta particolarmente a cuore a tutte le sigle firmatarie del presente comunicato, che non hanno nascosto alla Banca la necessità di un segnale concreto e positivo nei confronti dei propri dipendenti in un momento di svolta e di crescita ulteriormente necessaria per una effettiva ripresa del business.
A disposizione per eventuali approfondimenti.
Milano, li 22 Aprile 2014
Le OO.SS.
DIRCREDITO – FABI – FIBA–CISL – FISAC CGIL – SINFUB – UILCA
Scarica comunicato

Back to top button