Barclays Bank: verso quale direzione

Cari colleghe e colleghi,
le notizie sulla scelta futura di Barclays di lanciare la una bad bank per le attività non strategiche o poco redditizie, continua a fare il giro del mondo, mentre i dipendenti dell’azienda sono ancora in attesa di una comunicazione ufficiale.
Tuttavia, riteniamo che l’argomento richieda un’attenzione particolare.
Abbiamo creduto, come ci è stato detto direttamente dalla Country Manager, che i tempi duri fossero passati. I lavoratori hanno dato il loro contributo attraverso due social plan, impegnandosi con forme solidaristiche anche di tipo economico.
Ora, per l’ennesima volta, i rumors che girano ci pongono in una situazione non certo serena.
Non vogliamo allarmarci, vogliamo però che questa volta l’azienda ci stia a sentire, chiarisca le perplessità ed ascolti le nostre richieste Se è vero, come ci è stato detto più volte, che i lavoratori non hanno niente di cui preoccuparsi, che “Barclays Italia” ha già dato e che i lavoratori hanno fatto tutti, attraverso diversi strumenti, la loro parte, vogliamo capire in che direzione stiamo andando.
Se la direzione è quella della Banca Premier, che spinge ed innova sul Digital e attraverso nuovi prodotti di investment, in cui si continua ad assumere le migliori risorse sul campo, per una rinascita
e una crescita senza eguali, allora i lavoratori non hanno nulla da temere.
In questo caso infatti, si conferma che i lavoratori hanno fatto la loro parte, che la Banca Premier ottiene i propri risultati e i lavoratori hanno ragionevole certezza di pensare che forse, parte dei
sacrifici fatti in un momento di dura crisi, possano essere rimessi in discussione.
Le rappresentanze sindacali si aspettano quindi di trovarsi ad un tavolo a ridiscutere delle tre giornate devolute ai fini solidaristici, dell’ EDR, di un piano di formazione serio e di azioni ad ampio raggio.
Se questa è la direzione, i lavoratori e le OO.SS. non hanno nulla di cui preoccuparsi.
Se questa è la direzione…
Milano 06/05/2014
Le OO.SS.
DIRCREDITO – FABI – FIBA–CISL – FISAC CGIL – SINFUB – UILCA
Scarica comunicato

Back to top button