Sviluppo Italia Sicilia: “A rischio azienda e futuro”

da Il Moderatore.it “L’assenza di un piano organico e credibile di risanamento e rilancio dell’attività, di una conduzione politica autorevole della società, di un socio consapevole e responsabile, mette a rischio il futuro di

By: Shawn CarpenterCC BY-SA 2.0
Sicilia e con esso quello dei suoi lavoratori, e quello di migliaia di siciliani che non potrebbero avere accesso al credito per realizzare il proprio sogno di avviare un’attività in proprio”.

A lanciare l’allarme sono le organizzazioni sindacali dei bancari Fiba Cisl, Fisac Cgil, Uilca Uil, Ugl Credito con le Rsa, preoccupate per il futuro di Sviluppo Italia Sicilia.

“A rischio c’è la Sopravvivenza dell’azienda e con essa i finanziamenti previsti dalle leggi nazionali sull’autoimprenditorialità e autoimpiego quantificabili in più di 20 milioni di euro annui, che permetterebbero l’avvio di oltre mille nuove imprese, con un impatto occupazione stimabile in circa 2 mila nuovi addetti”.

La società che dal 2001 in Sicilia ha dato vita ad oltre 10 mila nuove iniziative imprenditoriali “dal passaggio di proprietà alla Regione siciliana (2008) ha accumulato perdite che hanno azzerato tutte le sue riserve ed intaccato lo stesso capitale sociale”.

“Il 2013 si è chiuso con una perdita pari a circa 1,8 milioni imputabile – spiegano i sindacati – alle condizioni economiche fortemente penalizzanti imposte dal suo committente unico la Regione e ciò nonostante un costo del personale in diminuzione”.

I sindacati concludono “La Commissione Bilancio dell’Ars, si è impegnata a farsi promotrice di un’azione nei confronti del parlamento e del governo regionale, affinché mettano in campo tutte le iniziative necessarie a garantire la sopravvivenza della società e il mantenimento sul territorio della regione di tutte le opportunità di sviluppo ad essa legate, si faccia presto”.

– See more at: http://www.ilmoderatore.it/2014/06/12/sviluppo-italia-sicilia-a-rischio-azienda-e-futuro-investimenti-46713/#sthash.0n44cy31.dpuf

Back to top button