Giornata mondiale delle popolazioni

By: Charlie Loyd – All Rights Reserved
L’11 luglio si celebra in tutto il mondo la giornata della Popolazione: istituita nel 1989 dal Fondo delle Nazioni Unite (Unfa) si propone di far crescere la consapevolezza su diverse questioni demografiche, quali l’importanza della pianificazione familiare, la parità di genere, la lotta alla povertà, la cura della salute materna e la tutela dei diritti umani. La data dell’11 luglio fù scelta perché, proprio quel giorno del 1987, avvenne lo storico superamento della soglia dei cinque miliardi di individui presenti sulla terra. L’obiettivo della giornata è quindi anche quello di sottolineare la preoccupazione per l’incremento esponenziale del numero di abitanti del Pianeta rispetto alle risorse disponibili per sfamare l’intera umanità. Oggi siamo oltre i 7 miliardi e si stima che entro il 2025 raggiungeremo gli 8 miliardi. La giornata rappresenta quindi non solo un occasione per celebrare la nostra comune umanità e la nostra diversità ma è anche un richiamo alla nostra responsabilità nei del genere umano e del nostro pianeta.
In questa data sono numerosi gli eventi per focalizzare l’attenzione sui problemi della crescita e, parallelamente, su quelli della maternità. La gravidanza è ancora infatti causa di morte e sofferenza per molte donne. Secondo l’Unfa ogni anno più di 200 milioni di donne che vorrebbero evitare o ritardare una gravidanza non possono farlo mentre ogni giorno muoiono 800 donne dando alla luce un bambino. In queste condizioni uno dei punti focali sui quali si articola la giornata è rappresentato dal miglioramento all’accesso della contraccezione.
Ognuno di noi può fare la differenza la tesi lavorando per il cambiamento nel senso di un mondo più e equo .

Back to top button