Bankitalia: riforma delle carriere, 5 domande al SIBC

By: DoBeRaGi – All Rights Reserved

Nel comunicato di ieri il SIBC ha indicato nella perdurante assenza di proposte da parte di FALBI-CGIL-UIL la causa dell’impossibilità di procedere nella trattativa sulla riforma degli inquadramenti.

Usando lo stesso metodo tanto caro al SIBC gli poniamo 5 semplici domande, basate sui principi che FALBI-CGIL-UIL hanno individuato come presupposti necessari del confronto.

  1. Il nuovo sistema deve basarsi su un modello cooperativo e non competitivo del modo di lavorare in Banca?
    Il SIBC è d’accordo o no?
  2. Per premiare discrezionalmente il merito occorre utilizzare risorse aggiuntive e non sottratte a chi onestamente svolge quotidianamente il proprio lavoro.
    Il SIBC è d’accordo o no?
  3. L’esperienza lavorativa, intesa come naturale crescita e affermazione sul posto di lavoro, deve avere un peso nella retribuzione?
    Il SIBC è d’accordo o no?
  4. Occorre assicurare una crescita economica dignitosa lungo l’intero arco lavorativo, anche attraverso la previsione di adeguati livelli stipendiali.
    Il SIBC è d’accordo o no?
  5. Il Segretario Generale nell’incontro di ieri ci ha comunicato che su queste basi il confronto non è possibile?
    Il SIBC è d’accordo con il dott. Proia?

Bankitalia comunicato 28-14

Back to top button