ISP: il premio variabile di risultato

L’erogazione del Premio Variabile di Risultato (PVR) riferito al 2015 avverrà successivamente all’approvazione del Bilancio 2015 del Gruppo da parte dell’Assemblea degli azionisti.
Ricordiamo che l’accordo sottoscritto il 7 ottobre 2015, nell’ambito del Contratto Collettivo di Secondo Livello del Gruppo, ha stabilito in via sperimentale il riconoscimento del Premio Variabile di Risultato (PVR).
Come previsto dal CCNL, il PVR unisce il premio aziendale (ex VAP) e il sistema incentivante. L’accordo di Gruppo ha riequilibrato la destinazione del montante complessivo del Premio, prevedendo che il 75% sia erogato a tutto il personale (30% per il “premio base” e 45% per il “premio aggiuntivo”), mentre la quota destinata al “premio di eccellenza” si riduce al 25%.

Leggi tutto nel sito Fisac Cgil Intesa Sanpaolo

Back to top button