ISP: Ruoli Professionali, ancora ritardi di applicazione e PVR 2015

Nell’incontro di ieri 6 aprile, fissato per l’accordo sui Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, abbiamo contestato ancora una volta i gravi ritardi nell’applicazione da parte dell’Azienda dell’accordo sui Ruoli Professionali.
Ad oggi solo i Direttori delle Filiali hanno avuto, a dicembre, un anticipo delle indennità spettanti.
Nulla è stato riconosciuto ai gestori, a cui peraltro non è stata ancora comunicata la complessità dei portafogli assegnati.
I sostituti dei direttori non ricevono da oltre un anno le relative indennità e non è ancora attiva la procedura di segnalazione delle sostituzioni effettuate.
Chiediamo all’Azienda impegni precisi sull’applicazione del Contratto di Secondo Livello e tempi definiti per le comunicazioni delle complessità e per l’erogazione delle indennità di ruolo e di quelle di direzione e di sostituzione.
Abbiamo inoltre denunciato che, dopo la pubblicazione della circolare sul Premio Variabile di Risultato 2015 (PVR) il clima nella filiali, già compromesso dalle pressioni commerciali, è
ulteriormente peggiorato.
Le schede (scorecard) in merito al riconoscimento della quota di eccellenza del PVR sono eccessivamente complesse (sembra infatti più semplice leggere e comprendere un geroglifico egizio!) ma, quello che è peggio, è la variazione delle “regole di ingaggio” per l’eccellenza.
La mancanza di chiarezza e la variazione delle regole di ingaggio creano forte sfiducia tra i colleghi.
Chiediamo all’Azienda l’elenco delle filiali che avranno il riconoscimento del premio di eccellenza per poter valutare compiutamente gli effetti dell’applicazione della circolare aziendale.
Abbiamo inoltre chiesto le Retribuzioni Annue Lorde medie di riferimento per figura professionale e seniority, nonché la verifica dell’applicabilità del Decreto Interministeriale sulla
tassazione agevolata per i premi aziendali.
I colleghi attendono impegni e risposte sui tempi di applicazione dei Ruoli Professionali e chiarezza e trasparenza sul PVR 2015.
Milano, 7 aprile 2016
Delegazione Trattante Gruppo Intesa Sanpaolo
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL – SINFUB – UGL – UILCA – UNISIN

comunicatoI

Back to top button