Gruppo Intesa Sanpaolo: un PVR da rivedere

Nell’incontro odierno abbiamo esaminato i dati forniti dall’Azienda sulle risultanze del Premio variabile di Risultato 2016.
È emerso quanto segue:

– tutte le Divisioni destinatarie del PVR 2016 sono andate a budget con l’intera erogazione del premio base e aggiuntivo, ad eccezione della Divisione Private che ha raggiunto il 97% del budget assegnato;

– per la Divisione Private scatta la salvaguardia prevista dall’accordo, con erogazione dell’80% del premio;

– le filiali e aree di Banca dei Territori che hanno raggiunto l’eccellenza sono un numero inferiore rispetto al 20% previsto nell’accordo;

– sono stati premiati complessivamente 57.260 colleghi dei quali circa 11.000 hanno beneficiato del premio di eccellenza;

– le valutazioni parzialmente in linea con le attese sono diminuite rispetto all’anno 2015 dal 7% al 4%.

Il premio verrà evidenziato nella busta paga del 27 maggio e già da oggi è a disposizione la procedura on line per la destinazione del premio al conto sociale.

Abbiamo contestato il proliferare di sistemi incentivanti e premianti al di fuori delle regole negoziate per il PVR destinato alla stragrande maggioranza dei colleghi.

A fronte dei risultati del 2016 e del primo trimestre 2017 riteniamo indispensabile che siano destinate maggiori risorse al riconoscimento del contributo delle “straordinarie persone” del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Per approfondimenti: http://www.fisac.net/wpgisp/un-pvr-da-rivedere.html

Back to top button