INCONTRO DEL 6 DICEMBRE – MASSIMA  CONFUSIONE O STRATEGIA AD ESCLUDERE?

 

Il giorno 6 dicembre u.s. si è svolto il previsto incontro con all’ordine del giorno la ristrutturazione del Servizio Banconote e Efficienza aziendale.

SERVIZIO BANCONOTE

La Banca si è limitata a fare il riepilogo delle proprie posizioni rimaste esattamente uguali a quelle dell’incontro del 6 novembre u.s.. Posizioni che lasciano la trattativa in una fase di preoccupante stallo.

Il dato politico ad oggi è che la Banca, su aspetti fondamentali come la garanzia sul mantenimento in house della Funzione di stampa del biglietto, l’orario di lavoro, la flessibilità organizzativa e gestionale e sul livello di ingresso dell’operaio di 3^ junior, non dà risposte positive per i colleghi di oggi e di domani.

La dichiarazione della Delegazione aziendale sul mantenimento in house della Funzione è generica ed evasiva e non sgombra il campo dalle preoccupazioni degli addetti al Servizio.

Sull’orario di lavoro non ci sono passi in avanti: c’è la conferma dei quattro giorni per i centri di produzione (lunedì/giovedì) e per le manutenzioni (martedì/venerdì) dalle 7,00 alle 16,30 e dell’orario su cinque giorni per il restante personale.

Non ci sono novità positive per quanto riguarda la flessibilità gestionale che al momento sarebbe totale. Nessun passo avanti per il livello del nuovo salario di ingresso: la Banca non solo non si è mossa, ma ha definito “ideologica” la nostra posizione.

Il problema del nuovo salario d’ingresso per la Fisac CGIL non si potrà risolvere dando solo un paio di migliaia di euro in più ai nuovi assunti (a proposito, quanti saranno?!!?), ma garantendo un percorso stipendiale e di carriera agganciato a ciò che esiste già oggi in Banca.

Non comprendiamo i volantini del primo tavolo; non vorremmo che si stiano confondendo legittime richieste con acquisizioni; o, peggio ancora, che la Banca (ma non vogliamo crederlo) sia stata reticente di fronte a specifiche richieste della Fisac.

E’ una trattativa molto difficile, dovremmo tutti impegnarci (Banca e OO.SS.) a trovare le giuste soluzioni nell’esclusivo interesse dei lavoratori addetti al Servizio, senza tattiche o pseudo strategie di corto respiro.

EFFICIENZA AZIENDALE

Anche sul lato produttività la Delegazione aziendale ha confermato ciò che aveva già comunicato in precedenza: ammontare dell’efficienza aziendale pari al 2,5% di cui 0,5% strutturale, se andrà a buon fine la trattativa su Ban.

E’ stata annunciata la quota che andrà a decurtare l’efficienza aziendale per finanziare la Lump Sum (0,3%), con il consueto meccanismo di prelievo in capo a tutti i colleghi, compresi i post ’93 che non ne beneficeranno in quanto non aderenti al fondo.

La Fisac CGIL si è battuta con forza, come il Sibc e il Dasbi, contro tale meccanismo di alimentazione della LUMP SUM, in quanto non risolve e neanche riduce in modo significativo il divario generazionale tra ante e post ’93 e ha trasformato un contributo di solidarietà intergenerazionale in una tassa vera e propria a carico, tra l’altro, degli stessi colleghi post ’93 aderenti e – cosa più grave – non aderenti al FPC.

Ricordiamo a tutti i colleghi che, ad oggi, i versamenti effettuati alla voce LUMP SUM sono:  DIPENDENTI 1% – BANCA 0,5%.

RIFORMA DELLE CARRIERE

A margine dell’incontro la Banca ha comunicato la data per l’inizio del confronto sulla Riforma della Carriera Operativa: 20 Dicembre 2017

VICE ASSISTENTI EX SE.GE.SI.

La Banca ha comunicato che è disposta a dare una risposta normativa ai Colleghi che sono diventati Vice Assistenti con concorso straordinario dedicato alla ex Carriera Se.GE.SI. La norma di carattere pattizio consentirebbe a coloro non promossi con gli avanzamenti del 2018 di essere promossi con anzianità congiunta al merito dopo sette anni nel grado.

COMPENSO CANTIERE QUATTRO FONTANE

Il compenso per il cantiere di Via Quattro Fontane, caratterizzato da condizioni di lavoro particolarmente disagevoli, viene quantificato dalla Banca in € 10 per ogni giorno di presenza, a partire da Febbraio 2017. Previsione insufficiente sia nell’importo che nel periodo di riferimento, essendo il cantiere aperto dal novembre 2015.

 

Roma, 7 dicembre 2017

La Segreteria Nazionale

 

 

Back to top button