8 marzo: ONU, violenza contro le donne, trasformare l’oltraggio in azione

By: eugeniobld… intermittente – All Rights Reserved

Pubblichiamo qui di seguito il messaggio del Segretario Generale dell’ONU, Ban Ki Moon in occasione della Giornata Mondiale della Donna.

“Celebrando la Giornata Internazionale delle Donne, occorre guardare indietro a un anno di sconcertanti episodi di violenza contro donne e ragazze e chiedersi come ci si possa aprire a un futuro migliore

Una giovane donna è stata violentata a morte da un gruppo. Un’altra si è suicidata, per quella stessa vergogna che avrebbe invece dovuto marchiare gli stupratori. Adolescenti sono state colpite a bruciapelo per aver osato aspirare a un’istruzione. Queste atrocità, che giustamente hanno scatenato un’ondata di indignazione globale, sono parte di un più ampio problema che pervade virtualmente ogni società, ogni forma di vita. Guardate le donne che vi circondano. Pensate a quelle che vi sono care nelle vostre famiglie e nelle vostre comunità. E capite come ci sia la probabilità statistica che molte di loro abbiano subito violenza nel corso della loro esistenza. Un numero ancora maggiore di esse si è trovato a dare conforto a una sorella o un’amica, condividendone il dolore e la rabbia dopo un’aggressione. Quest’anno, in occasione della Giornata mondiale della donna, convertiamo la nostra rabbia in azione. Dichiariamo che perseguiremo i crimini contro le donne- e non permetteremo mai che le donne siano punite per gli abusi di cui sono state vittime. Rinnoviamo la nostra promessa di combattere questa minaccia globale ovunque si possa annidare – in casa e nei luoghi di lavoro, in zone di conflitto e in pacifiche cittadine e nella mente delle persone che permettono a tale violenza di perpetuarsi. Facciamo inoltre una promessa speciale alle donne in contesti di conflitto, dove la violenza sessuale diventa troppo spesso uno strumento di guerra volto ad umiliare il nemico distruggendone la dignità. A queste donne diciamo: le Nazioni Unite sono al vostro fianco. In qualità di Segretario-Generale, insisto che il benessere di tutte le vittime di violenza sessuale deve essere in prima linea fra le nostre attività. Pertanto, incarico il mio consigliere senior di rendere la nostra risposta alla violenza sessuale una priorità in tutte le nostre attività di mantenimento e costruzione della pace. Il sistema delle Nazioni Unite sta conducendo la nostra Campagna “UNiTE to End Violence against Women”, basata sulla semplice ma potente premessa che tutte le donne hanno il fondamentale diritto umano di vivere libere dalla violenza. Questa settimana a New York, presso la Commissione sullo Status delle Donne, il mondo sta tenendo la più grande assemblea di sempre centrata sull’obiettivo di porre fine alla violenza contro le donne. Faremo il più possibile durante questa riunione – e continueremo a fare pressione per ulteriori progressi, a lungo dopo la sua conclusione Rendo omaggio e ringrazio i numerosi governi, gruppi e individui che hanno contribuito a tale campagna e sollecito ognuno a unirsi al nostro sforzo. Se mettiamo i nostri mezzi al servizio di una causa o prestiamo la nostra voce alla protesta, possiamo essere parte del movimento globale per porre fine a questa ingiustizia e dare a donne e fanciulle la protezione, la sicurezza, e la libertà che meritano”.

Back to top button