Santander Consumer: totale mancanza di chiarezza e trasparenza nella gestione delle trasferte per formazione


Torino, 13 Marzo 2019

 

La sveglia prima del canto del gallo

 

Le OO.SS. aziendali denunciano la totale mancanza di chiarezza e trasparenza nella gestione delle trasferte per formazione da parte della banca.

A fronte di convocazioni per corsi di formazione, l’azienda si comporta in modo tutt’altro che chiaro. Ne è una prova l’ultima convocazione per i corsi in programma a Castelmaggiore (BO) nel mese corrente, il cui testo precisa “per i colleghi che raggiungeranno la sede del corso mediante treni diretti con tempi di percorrenza pari o inferiori alle 1,45 h. non è previsto il pernottamento”, lasciando ovviamente ad intendere che nel caso il tempo di percorrenza fosse maggiore sarebbe previsto il regolare pernottamento con cena, ma di fatto questa informazione non viene trasformata in azione.

Infatti quando un dipendente chiede il pernotto per la notte precedente al corso in quanto deve affrontare un viaggio maggiore di 1,45 h., e qui non parliamo certo di qualche minuto in più, la banca nega al dipendente questa possibilità, “invitandolo” a prendere un volo o un treno che prevede la sveglia prima del canto del gallo. Questo comportamento è reso ancor meno gradevole perché le risposte vengono fornite non per scritto a mezzo e-mail di risposta, ma attraverso telefonate, durante le quali la legittima richiesta di pernottamento sembra voler essere frutto di un capriccio o di una pigrizia “sentita” soltanto da alcuni colleghi.

Svegliarsi ad orari così mattinieri, (5 della mattina per un corso di formazione con inizio alle 10,45) ci fa pensare che porterà i colleghi a non essere così attenti e reattivi nella fruizione del corso stesso, situazione aggravata dal fatto che il rientro è previsto a tarda sera dello stesso giorno, tutto questo in nome del risparmio e della ottimizzazione dei tempi, in una banca che a sua detta afferma di avere un occhio di riguardo per i dipendenti. Volete davvero farci pensare che il risparmio, il mantra che ci perseguita quotidianamente ormai da anni è da raggiungere sempre, a qualsiasi costo, davanti a tutto e a tutti?

Ora è doveroso chiedersi se la formazione per la nostra azienda sia veramente il fulcro del miglioramento e della crescita professionale dei dipendenti e non un mero obbligo di facciata e burocratico da sbrigare il più velocemente possibile.

Le OO.SS. richiedono, alla luce della spinta alla modernità e alla digitalizzazione che caratterizzano SCB, di venire incontro ai dipendenti dando loro la possibilità di effettuare la formazione a distanza attraverso Skype in alternativa al corso in aula per coloro che per vari motivi abbiano difficoltà a raggiungere la sede del corso o a cui venga chiesto uno sforzo così importante e a cui, per motivi organizzativi, non possa essere fornito il pernotto.

 Siamo ben consapevoli che un corso in aula ha sicuramente un altro valore rispetto ad un corso a distanza, perché il valore umano e la possibilità di interazione sono ben più coinvolgenti che vedere ed ascoltare un docente dietro uno schermo. Ovviamente però sono necessari orari e percorrenze che siano fruibili senza eccessive difficoltà per i lavoratori.

Il sindacato esprime e sottolinea il suo dissenso in merito al fatto che l’azienda non di rado faccia pernottare i colleghi convocati per corsi di formazione in stanza doppia, sempre nell’ottica del risparmio. Ricordiamo a SCB che il tempo “del college” è terminato da anni per la maggior parte dei lavoratori, riteniamo altresì che la privacy dopo una giornata di lavoro debba essere considerata sacrosanta.

Le OO.SS. auspicano anche che la banca, prima di utilizzare delle strutture alberghiere verifichi le zone dove sono ubicate, facendosi altresì consigliare dai colleghi della filiale di zona, riteniamo infatti inopportuno che dei lavoratori soprattutto “donne” pernottino in hotel situati in zone poco raccomandabili e che le mettano a rischio sicurezza.

Infine SCB non dimentichi che parte della formazione erogata ai dipendenti è frutto di un accordo

sindacale che prevede un contributo finanziario da parte del fondo di settore FBA non indifferente.

 

Segreteria di coord.  FABI
Santander Consumer Bank
Segreteria di coord. Fisac/CGIL
Santander Consumer Bank