Unipol Banca: incontro sul piano industriale primo round

By: Luigi Corona – All Rights Reserved

Si è svolto questo pomeriggio il previsto incontro di illustrazione dei contenuti del Piano Industriale del nostro Gruppo Bancario per il triennio 2013-2015.

Questi, per sommi capi, gli elementi di maggior rilievo:

· incorporazione in Unipol Banca di Unipol Leasing, Unipol Merchant e Banca SAI (quest’ultima dopo l’ottenimento delle necessarie delibere da parte dei rispettivi CdA e l’autorizzazione di Banca d’Italia);

· conferimento delle attività di Unicard a società terza del Gruppo Cedacri;

· possibile cessione di Unipol Fondi o, in alternativa, acquisizione nella stessa dei Fondi Comuni gestiti da Banca SAI;

· nuovo assetto finale del Gruppo Bancario Unipol Banca che comprenderà, oltre alla banca, la costituenda società REO.CO (conferimento del patrimonio immobiliare escusso a fronte di crediti in default e gestione/alienazione dello stesso patrimonio) e FINITALIA (ex Gruppo Banca SAI – società per il finanziamento di premi assicurativi);

· chiusura di 30 (trenta) filiali nel triennio (ad oggi ne sono state definite dieci: 84 Roma, 118 Tolentino, 143 Costa Volpino, 145 Manerbio, 146 Rovato, 249 Medicina, 271 Catroreale, 275 Monreale, 279 Salemi, 308 Brescia);

· accorpamento di ulteriori 14 filiali (Firenze 2 con Firenze Banca Sai, Brescia 30 con 174, Sassuolo 68 con 149, Genova 71 con 72, Napoli 88 con 90, Modena 122 con 148, Trapani 198 con 238);

· chiusura dei Centri Imprese entro fine anno, con “spostamento” dei Gestori Corporate, che manterranno lo stesso ruolo, nelle filiali;

· creazione di filiali “automatizzate”, con solo una o nessuna postazione di cassa;

· ampliamento e rilancio della “Banca Virtuale”.

Oltre a quanto sopra, sono stati delineati gli obbiettivi di piano a livello commerciale, economico e reddituale. Per quanto riguarda le iniziative commerciali, ci è stato presentato uno scenario che ipotizza un rilancio del rapporto con le agenzie assicurative e con il mondo delle cooperative di consumo mediante l’attuazione di iniziative specifiche.

In particolare, per quanto riguarda la collaborazione con le agenzie assicurative, verrà creato un gruppo di “sviluppatori” che opereranno presso le stesse agenzie sulla base della possibilità di disporre di elenchi di potenziali clienti e di prodotti dedicati. Il rapporto con il mondo delle cooperative di consumo si svilupperà, tra l’altro, attraverso uno specifico prodotto dedicato ai soci.

A fronte di quanto sopra, non vi sarebbero ricadute sui lavoratori (esuberi), salvo una paventata mobilità geografica.

Come OO.SS.AA. ci siamo riservate di dare un giudizio di merito sul Piano Industriale nel corso di un prossimo incontro, da tenersi nel breve: alcuni elementi che ci sono stati presentati come “novità”, infatti (rapporto con le agenzie assicurative e con le cooperative di consumo), dovrebbero essere inquadrati in uno scenario economico mutato e in una nuova e necessaria consapevolezza, da parte dei nostri interlocutori, sul ruolo della banca e sulle potenzialità ed opportunità legate alla reciproca collaborazione (al fine di non ripetere errori del passato….).

Abbiamo chiesto all’azienda di fornirci ulteriori elementi di valutazione circa la riorganizzazione della rete commerciale (motivazioni e criteri) e le attività, il ruolo e le mansioni della nuova figura professionale dello “sviluppatore di agenzia”, nonché gli strumenti messi a sua disposizione ed il quadro normativo/contrattuale di riferimento.

Il prossimo incontro è previsto entro la fine del corrente mese. In tale sede ci attendiamo di ricevere esaurienti risposte alle richieste di approfondimento da noi avanzate e, contestualmente, verranno avviate le procedure contrattuali legate alla chiusura e/o accorpamento di filiali ed alla incorporazione di Unipol Merchant.

Evidenziamo che il nostro giudizio sul Piano Industriale della banca, attualmente sospeso, non potrà prescindere dalla necessità di disporre di un quadro di riferimento complessivo chiaro ed esauriente, che tenga conto del processo di riorganizzazione della rete, della prossima integrazione di Banca SAI e della concretezza degli obbiettivi commerciali.

Vi aggiorneremo tempestivamente sull’evoluzione del confronto.

Bologna, 13 marzo 2013.

DIRCREDITO – FABI – FIBA/CISL – FISAC/CGIL – UGL – UIL C.A.

UNIPOL BANCA S.P.A.

Scarica comunicato

Back to top button