Fineco: firmato il primo accordo sul VAP dopo l’uscita dal Gruppo UniCredit


FIRMATO L’ACCORDO SUL VAP 2019

In data 15/04/2020 è stato firmato fra azienda e Organizzazioni Sindacali, in un contesto reso difficile dall’emergenza sanitaria in atto, il primo accordo sul VAP dopo l’uscita di FinecoBank dal Gruppo UniCredit, di cui la nostra banca ha fatto parte fino quasi a metà dello scorso anno. È stata una trattativa intensa ed articolata, contraddistinta inizialmente da posizioni significativamente distanti durante la quale abbiamo più volte sottolineato l’impegno sempre profuso dai lavoratori di FinecoBank.

L’accordo raggiunto prevede l’erogazione di un importo cash pari a 1.150€ a cui si aggiungono ulteriori 600€ per un totale di 1.750€ per chi scegliesse l’opzione welfare. Inoltre, in via del tutto eccezionale a causa dell’emergenza sanitaria in corso, l’eventuale residuo non utilizzato in conto welfare al 27 novembre, verrà reso nuovamente disponibile a partire dal 1 gennaio 2021 fino al 27 giugno 2021.

Contestualmente al VAP è stato previsto che, anche per l’anno 2020, venga sostenuto dall’azienda il contributo pari a 88,70€ a parziale copertura del costo della polizza denti a carico del lavoratore.
Inoltre:

  • Si passerà ai ticket elettronici con un incremento del valore:
    – a 6€ da luglio 2020
    – a 6,5€ da luglio 2021
    – a 7€ da luglio 2022
  • Anche per il biennio 2022-2023 verrà equiparato il contributo a favore dell’assistenza sanitaria a Quadri Direttivi e Aree Professionali per garantire le migliori prestazioni a tutti.
  • Si potrà devolvere parte del VAP in Welfare Days (max 5 giorni)
  • Sono stati prorogati i permessi scaduti a marzo 2020 fino a fine giugno 2020
  • Si potranno utilizzare le ex-festività a ore fino al 14 dicembre 2020
  • Sono stati prorogati tutti i permessi aggiuntivi previsti dall’accordo del 13 aprile 2018 sul work-life balance fino al 31 dicembre 2020

Infine, in una lettera a latere, l’azienda ha stabilito di erogare in welfare i contributi a favore dei figli (contributo 4-12 anni e la strenna natalizia) e in contanti il contributo familiari disabili.

Nonostante le posizioni iniziali molto distanti, siamo soddisfatti per aver raggiunto un accordo che sancisce un incremento superiore al 40% rispetto al VAP 2018 segnando un significativo aumento rispetto all’anno precedente, come richiesto dalle Organizzazioni Sindacali.

Inoltre, grazie alla sottoscrizione dell’accordo, chi sceglie l’importo in contanti potrà beneficiare della detassazione e della decontribuzione.
Evidenziamo che l’accordo prevede anche degli elementi di stabilizzazione nel tempo come l’aumento del ticket restaurant fino a 7€e la contribuzione aggiuntiva per l’assistenza sanitaria anche nel biennio successivo (ricordiamo che per quest’ultimo il differenziale è di 250€).

Inoltre la proroga dell’accordo sul work-life balance consentirà nel corso del 2020 di valutare ulteriori previsioni e gli opportuni interventi organizzativi per rispondere in maniera più adeguata alle esigenze della popolazione di FinecoBank, anche alla luce di quanto sta avvenendo e con particolare riferimento al flexible work.

Reggio Emilia, Milano 16/04/2020

OO.SS. FINECO BANK
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL

Back to top button