Banca del Fucino: scissione inversa per incorporazione Banca Igea e Banca del Fucino, ecc.

Banca del Fucino S.p.A.

Spett.le Igea Banca S.p.A.

Spett.le Banca del Fucino S.p.A.

C.A. del Presidente Dott. Mauro Masi
C.A. del Vice-Presidente Dott. Francesco Maiolini
C.A. del Vice Direttore Vicario Dott. Andrea Colafranceschi
C.A. del Responsabile Risorse Umane Dott.ssa Roberta Pennacchietti

e p.c. a tutte le Lavoratrici e a tutti i Lavoratori della Banca del Fucino

Roma, 6 maggio 2020

 

Prot. 200506P348

OGGETTO: LETTERA AZIENDA DEL 30 APRILE U.S. :
“Scissione inversa per incorporazione Banca Igea e Banca del Fucino, ecc.”

Egregi Signori,

riscontriamo la Vs. pervenutaci in data 30 aprile u.s. avente per oggetto: Scissione inversa per incorporazione Banca Igea e Banca del Fucino – Trasformazione d’azienda Banca digitale e operazione Pasvim – Conseguenti misure di ristrutturazione/riorganizzazione.

Le Scriventi OO.SS. prendono atto della Vostra informativa aziendale e con la presente bloccano i termini di decorrenza per l’avvio della procedura prevista dall’art. 47 legge 428/90 e successive modificazioni, al fine di attuare l’esame congiunto inerente le operazioni societarie da Voi prospettate e le relative conseguenze economiche, giuridiche e sociali delle operazioni societarie descritte. Tutti gli incontri si svolgeranno tramite mezzi di comunicazione a distanza.

Le scriventi precisano:

♦ che in mancanza del Piano industriale e dell’assetto organizzativo, come affermato nella Vs. comunicazione sopra citata, eventuali riorganizzazioni non saranno oggetto della trattativa e saranno affrontate successivamente, con una procedura ad hoc, ai sensi dell’art.17 del vigente CCNL ABI 19.12.2019;

♦ che i tempi previsti per la fusione e la scadenza del CIA Banca del Fucino mal si conciliano, in quanto coincidenti, a seguito della scelta da Voi effettuata di non prorogare il CIA summenzionato al 30/9 e di non intraprendere la trattativa per il suo rinnovo, come da noi richiesto a suo tempo. Ciò determinerebbe un vuoto normativo a noi non imputabile;

In considerazione di quanto sopra e del periodo di lockdown trascorso, le OO.SS. scriventi rinnovano la richiesta di proroga del CIA fino alla più congrua data del 31/10, e di procedere, non appena ultimate le operazioni societarie di incorporazione di cui all’oggetto, alla trattativa per il rinnovo del contratto integrativo aziendale.

 

In attesa di Vs. riscontro scritto, porgiamo distinti saluti

C.A.C. Fisac Cgil – R.S.A. UILca
Banca del Fucino S.p.A.


Scarica la lettera del 28 aprile

Back to top button