UBI: cessione di ramo d’azienda a BPPB, interventi su filiali e centri imprese ed altre info

Comunicato UBI – 21 gennaio 2021

INCONTRO SINDACALE DEL 20 GENNAIO 2021

Nella giornata di ieri, mercoledì 20 gennaio, l’azienda ha consegnato la lettera informativa riguardante la cessione di un ramo di azienda alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata (BPPB) e ha fornito gli elenchi relativi ai numerosi interventi che interesseranno la rete delle filiali e dei centri imprese UBI che rimarranno nel perimetro ISP.
Nelle pagine che seguono vi forniamo le prime informazioni riguardanti questi due temi di estrema rilevanza e di grande impatto, nonché alcuni aggiornamenti su materie affrontate nel corso dell’incontro svoltosi ieri.

Cessione di ramo d’azienda a BPPB
Interventi sulla rete delle filiali e sui centri imprese
Eventi legati alla cessione a BPER riguardanti tutto il personale
– Cessione immobili
– Rapporti bancari (conti correnti)
Distacchi UBI-ISP
Altre questioni ancora in attesa di risposta
Sospensione dell’attività lavorativa – SIM telefonica

 

CESSIONE DI RAMO D’AZIENDA A BPP

La cessione alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata (BPPB) riguarderà 17 filiali con autonomia contabile e 9 punti operativi senza autonomia contabile (minisportelli), elencati di seguito.

Regione Provincia Comune Indirizzo Tipologia
ABRUZZO CHIETI ARCHI PIANE D’ARCHI – VIA NAZIONALE, 26 Minisportello
ABRUZZO CHIETI BUCCHIANICO CORSO PIERANTONI, 46 Filiale
ABRUZZO CHIETI CASOLI LARGO S.NICOLA, 1 Filiale
ABRUZZO CHIETI CASTEL FRENTANO VIA NAZIONALE FRENTANA, 51 Filiale
ABRUZZO CHIETI CELENZA SUL TRIGNO CORSO UMBERTO I, 60 Minisportello
ABRUZZO CHIETI CHIETI LARGO MARTIRI LIBERTA’, 1 Filiale
ABRUZZO CHIETI CUPELLO VIA ISTONIA, 85/A Filiale
ABRUZZO CHIETI FOSSACESIA VIA MARINA, 10 Minisportello
ABRUZZO CHIETI FRANCAVILLA AL MARE VIALE NETTUNO 100 Filiale
ABRUZZO CHIETI MIGLIANICO VIA ROMA, 70 Minisportello
ABRUZZO CHIETI ORTONA VIA DELLA LIBERTA’, 33A Filiale
ABRUZZO CHIETI PALMOLI VIA CAVOUR (PALAZZO MARCHESALE) Filiale
ABRUZZO CHIETI RIPA TEATINA VIA N. MARCONE, 145 Minisportello
ABRUZZO CHIETI SAN SALVO VIA ROMA 73 Filiale
ABRUZZO CHIETI SAN VITO CHIETINO MARINA DI SAN VITO – LARGO OLIVIERI 4 Minisportello
ABRUZZO CHIETI SCHIAVI DI ABRUZZO VIA ABRUZZO, 3 Minisportello
ABRUZZO CHIETI TOLLO VIA ROMA, 80 Filiale
ABRUZZO CHIETI TORINO DI SANGRO PIAZZA DONATO IEZZI, 9/10 Filiale
BASILICATA MATERA BERNALDA CORSO UMBERTO, 260 B Filiale
BASILICATA MATERA MONTALBANO JONICO PIAZZA VITTORIA, 2 Filiale
CALABRIA VIBO VALENTIA PIZZO VIA NAZIONALE Filiale
CALABRIA VIBO VALENTIA SERRA SAN BRUNO VIA ALCIDE DE GASPERI, 52 Filiale
CALABRIA VIBO VALENTIA VIBO VALENTIA CORSO VITTORIO EMANUELE III 148 Filiale
MOLISE CAMPOBASSO BOJANO CORSO AMATUZIO, 86 Minisportello
MOLISE ISERNIA FROSOLONE CORSO VITTORIO EMANUELE, 53 Minisportello
MOLISE ISERNIA ISERNIA VIA DANTE ALIGHIERI, 25 Filiale

Come già la cessione di rami d’azienda a BPER, anche questo trasferimento risponde alle disposizioni emanate dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (c.d. Antitrust) in relazione all’operazione di acquisizione di UBI da parte del Gruppo Intesa Sanpaolo; vi saranno coinvolte 148 persone attualmente in servizio presso i 26 sportelli oggetto di cessione (non sono interessate colleghe e colleghi in distacco da altra società presso questi sportelli).
La trattativa che affronterà il tema delle ricadute conseguenti al trasferimento a BPPB prenderà avvio presumibilmente martedì prossimo, 26 gennaio. Il perfezionamento dell’operazione è previsto per il mese di giugno.
In considerazione del fatto che per l’integrazione di UBI in ISP è stata confermata la data del 12 aprile, le lavoratrici e i lavoratori coinvolti nella cessione a BPPB potrebbero trovarsi, se confermato quanto dichiarato durante l’incontro di ieri, ad affrontare a distanza di due mesi due migrazioni informatiche.

Sono del tutto evidenti le criticità e i disagi che deriverebbero da tale duplice passaggio, con conseguenze che graverebbero pesantemente non solo sui colleghi investiti da una duplice attività formativa ma altresì sulla clientela, che (anche solo per il cambio dell’IBAN e della veste e delle funzionalità del servizio di Home Banking) richiederà al personale delle filiali cedute un supporto che colleghe e colleghi avranno difficoltà a garantire.

 

INTERVENTI SULLA RETE DELLE FILIALI E SUI CENTRI IMPRESE

L’azienda ha fornito un lungo elenco di filiali UBI che il 12 aprile prossimo (data dell’incorporazione di UBI in ISP) saranno oggetto di interventi consistenti in:

ACCORPAMENTI: in totale 251

riferito alle filiali, il termine ne indica la chiusura e il trasferimento dei rapporti e del personale fisicamente su altra filiale;

CHIUSURE SPORTELLI: in totale 49

analoghe agli ACCORPAMENTI, ma riferite ai minisportelli;

MIGRAZIONI: in totale 9

nel caso dei minisportelli indicano il cambiamento di quella che in UBI era definita la filiale madre con il mantenimento della sede fisica;

REMOTIZZAZIONI IN ATTESA DI ACCORPAMENTO: trasformazioni in “sportelli distaccati” assimilabile a una variazione in minisportello: si determina la perdita del ruolo da parte del responsabile rispetto a quell’unità produttiva.

In seguito lo sportello sarà accorpato nella filiale indicata.

Di seguito il riepilogo per regione; il dettaglio è disponibile nell’allegato che rielabora l’elenco dell’azienda e al quale rinviamo precisando per una migliore comprensione che gli interventi sono contrassegnati dal codice intervento che accomuna le filiali interessate dalla medesima operazione; la dicitura FISICO INVERSO significa che i locali restano quelli UBI mentre la titolarità contabile sarà attribuita a ISP.

 

Regione

 

ACCORPAMENTO

CHIUSURA SPORTELLO  

MIGRAZIONE

REMOTIZZAZIONE IN ATTESA DI ACCORPAMENTO  

TOTALE

ABRUZZO 7 2 1 1 11
BASILICATA 6 3 9
CALABRIA 7 11 18
CAMPANIA 8 1 11 20
EMILIA ROMAGNA 16 9 3 28
FRIULI-V.G. 3 2 5
LAZIO 38 1 1 14 54
LIGURIA 7 3 1 11
LOMBARDIA 64 19 3 34 120
MARCHE 7 4 3 9 23
MOLISE 1 1
PIEMONTE 15 3 10 28
PUGLIA 17 1 17 35
SARDEGNA 1 1
TOSCANA 35 1 6 42
UMBRIA 2 1 1 4
VALLE D’AOSTA 1 1
VENETO 17 2 1 20
TOTALE 251 49 9 122 431

Questi numeri rendono evidente l’impatto che si determinerà sulla rete di UBI la quale conta attualmente 1.598 punti operativi di cui 587 destinati a essere ceduti a BPER, a cui si aggiungono i 26 che verranno trasferiti a BPPB: dei 985 destinati a rimanere nel perimetro ISP ben 431 – il 44% – saranno interessati da interventi fin dalla data dell’incorporazione.

I centri imprese di UBI verranno interessati da una settantina di interventi (fra cui 25 accorpamenti e 23 chiusure di corner – v. allegato).

I timori circa un rischio di almeno parziale smantellamento che avevamo espresso in un precedente comunicato sembrano trovare conferma in tempi più rapidi di quelli da noi paventati.
ISP dovrà confermare con i fatti l’attenzione al personale di UBI, già privato del senso di appartenenza a una realtà aziendale nota, e ora legittimamente preoccupato del proprio futuro professionale e personale, in cui anche la rete di relazioni rischia di disgregarsi.
Le conseguenze dal punto di vista delle ricadute nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori saranno materia di discussione nell’ambito della trattativa che si aprirà nel mese di febbraio, nel corso della quale il nostro obiettivo sarà non solo quello di limitare le ripercussioni in termini di mobilità professionale e territoriale, ma anche di rivendicare la piena e concreta valorizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori di UBI.

 

EVENTI LEGATI ALLA CESSIONE A BPER RIGUARDANTI TUTTO IL PERSONALE

CESSIONE IMMOBILI
Nel corso della giornata di ieri ci è stato inoltre fornito un elenco di immobili ceduti a BPER (v. allegato) nei quali lavorano attualmente colleghe e colleghi destinati a rimanere nel perimetro ISP, i quali saranno pertanto trasferiti con decorrenza 20 febbraio in altre strutture; una data antecedente è prevista per 98 persone che operano presso la struttura di Pesaro di Corso XI Settembre.
Rimane tuttavia una condizione di incertezza per colleghe e colleghi con “approdo” in ISP che operano in filiali cedute e che non hanno ancora ricevuto indicazione alcuna sulla loro destinazione; in particolare coloro che sono assegnati al nucleo sostituzioni vivono una condizione di estremo disagio personale e professionale: nei loro confronti è indispensabile un intervento che restituisca loro prospettive e serenità.

RAPPORTI BANCARI (CONTI CORRENTI)
La decisione dell’Antitrust che ci era stata indicata come imminente subirà un forte ritardo ed è ora attesa per la prima decade di febbraio. La soluzione più probabile è che tutti i rapporti (ivi compresi quelli cointestati) seguiranno il dipendente: quindi anche nel caso in cui la filiale presso cui sono accesi fosse ceduta a BPER rimarranno in ISP se il collega è destinato a Intesa Sanpaolo; viceversa saranno migrati in BPER i rapporti di colleghi ceduti.

 

DISTACCHI UBI-ISP

Nell’ambito del processo di integrazione UBI-ISP, saranno avviati (senza che ciò determini ricadute dal punto di vista della mobilità essendo confermata la piazza di lavoro) ulteriori distacchi (in generale da UBI a ISP), così articolati:
♦ n. 3 in ambito Risk Officer (Bergamo)
♦ n. 4 in ambito Operating Officer (2 Arezzo e 2 Jesi)
♦ n. 5 in ambito Private, di cui 2 da ISP verso UBI (Varese e Busto Arsizio)
♦ n. 4 in ambito Insurance (Milano)
♦ n. 18 in ambito Sistemi Informatici (9 Brescia, 4 Bergamo, 5 Milano
♦ n. 1 in ambito Lending Officer
♦ n. 1 in ambito IMI CIB
Inoltre l’azienda ha anticipato che nelle prossime settimane procederà con il distacco di circa 30 lavoratrici/tori di UBI Factor in ISP.
È in fase di costituzione presso UBI Online una Task force composta di circa 40 persone (di cui 35 di provenienza UBI) che supporteranno la filiale UBI di Nizza (Francia) per la gestione di rapporti ritenuti improduttivi.

 

ALTRE QUESTIONI ANCORA IN ATTESA DI RISPOSTA

SOSPENSIONE DELL’ATTIVITÀ LAVORATIVA – SIM TELEFONICA
Siamo ancora in attesa di indicazioni per quanto riguarda le giornate di sospensione dell’attività lavorativa al 35% e la possibilità di accedere alla Banca del tempo.
Ricordiamo che anche le colleghe e i colleghi destinati a BPER potranno beneficiare di tali giornate per il 2021 con le regole e modalità definite in ISP, essendo questa misura prevista per chi proviene dal Gruppo Intesa Sanpaolo.

Anche sul tema SIM telefonica non abbiamo al momento risposte.

Naturalmente non mancheremo di aggiornarvi appena riceveremo indicazioni.

www.fisacgruppoubi.it FISAC CGIL UBI
Back to top button