Antiriciclaggio: il Gafi ed il Risk Based

Dipartimento Legalità

Nell’ultima riunione plenaria (febbraio 2021), i Delegati del  Gafi, del Fmi, delle Nazioni Unite e della Banca mondiale, hanno lavorato su un programma completo per rafforzare il sistema globale per rilevare, prevenire ed interrompere i flussi finanziari che alimentano il riciclaggio di denaro illegale. Durante lo svolgimento dei lavori, i Delegati hanno lavorato su una serie di aree importanti includenti gli orientamenti per aiutare i Paesi ad adottare un approccio alla supervisione basata sul rischio e gli orientamenti sulle indagini.

I Delegati hanno, inoltre, convenuto di pubblicare (ai fini di una consultazione pubblica) una bozza di Linee guida per assistere Paesi, Istituzioni finanziarie e Dnfbp (Designated Non-Financial Businesses and Professions) nell’identificazione, valutazione e mitigazione dei rischi ed orientamenti aggiornati sulle valute virtuali e sui fornitori di servizi di valute virtuali. Il Gafi ha portato avanti il proprio lavoro su questioni chiave ancora in corso quali la revisione della metodologia di conduzione delle valutazioni reciproche e le modifiche finalizzate a rafforzare i requisiti Gafi sulla titolarità effettiva.

Tra le iniziative strategiche si evidenziano le seguenti:

  • migliorare la supervisione basata sul rischio adottando un approccio alla vigilanza, affrontando l’intera gamma di rischi, dai settori a rischio più elevato a quelli a basso rischio concentrando le risorse laddove i rischi sono più elevati;
  • mitigare i rischi di riciclaggio di denaro attraverso le valute virtuali: la revisione degli standard Gafi sui beni virtuali e sui Vasp, ha evidenziato che sia il settore pubblico che quello privato hanno compiuto progressi nell’attuazione delle misure necessarie, ma rivelando la necessità di maggiori orientamenti per attuare i requisiti rivisti, anche per i Paesi con presidi meno elevati;
  • approvare un rapporto che aumenterà la consapevolezza in tutta la rete globale, in particolare nel contesto delle valutazioni nazionali del rischio, e che aiuterà i paesi a sviluppare risposte operative efficaci.

Il Gafi ha discusso, poi, su come procedere con le valutazioni reciproche, alcune delle quali sono già in corso ma per le quali la visita in loco è stata rinviata a causa della pandemia. Le Giurisdizioni sotto un maggiore monitoraggio stanno lavorando attivamente con il Gafi per affrontare le carenze strategiche nei loro regimi per contrastare il riciclaggio di denaro.

Quando il Gafi sottopone una Giurisdizione ad un maggiore monitoraggio, significa che il Paese si è impegnato a risolvere rapidamente le carenze strategiche individuate entro i tempi concordati ed è soggetto ad un maggiore monitoraggio. Questo elenco viene spesso chiamato esternamente lista grigia. Il Gafi non chiede l’applicazione di misure di due diligence rafforzate da applicare a queste Giurisdizioni, ma incoraggia i suoi Membri a tenere conto delle informazioni presentate nella loro analisi dei rischi.

Back to top button