Banco Popolare ex Cr Lucca…: giù le mani dal Fondo Pensione

By: Simon – All Rights Reserved
Abbiamo finalmente vinto la causa sul Fondo Eracle! Infatti, dopo tre anni dal nostro ricorso contro la modifica unilaterale delle linee di investimento del Fondo Pensione dei Dipendenti Carilupili, attuata con l’investimento di 2,5 mln di euro in quote del Fondo Eracle, il giudice ha censurato la “condotta antisindacale” della Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno, ordinando la “cessazione del comportamento” e condannando l’istituto di credito a “disinvestire le risorse patrimoniali del fondo dalle quote del fondo immobiliare chiuso Eracle e di investirle in strumenti finanziari ricompresi nei benchmarks individuati dall’art.17 dello Statuto.” Ricordiamo che il Fondo Eracle è un fondo immobiliare chiuso, non quotato, costituito con il conferimento degli immobili strumentali (in prevalenza filiali) del Banco Popolare contestualmente concessi in locazione al Banco stesso. Dalla costituzione ad oggi il valore delle quote è stato determinato sulla base di stime ed il regolamento non consente la cessione di alcun immobile se non a lungo termine. Non richiamiamo qui le motivazioni che suscitavano le nostre perplessità sull’investimento, ma semplicemente evidenziamo ciò che ha costituito l’oggetto della causa cioè l’incompatibilità dell’acquisto di quelle quote rispetto a quanto previsto dall’art.17 dello Statuto del Fondo Pensione: è stato riconosciuto dal giudice che il cambiamento delle linee di investimento può avvenire esclusivamente con accordo sindacale.
L’importanza di questa sentenza va oltre il fatto specifico, infatti sancisce che le risorse del Fondo Pensione non possono, e non potranno in futuro, essere investite in contrasto con le scelte degli aderenti:
i soldi del fondo non sono nella disponibilità esclusiva del Banco Popolare!
Alleghiamo copia della sentenza.

Back to top button