Antiriciclaggio: il reato di autoriciclaggio

In attesa del veicolo normativo destinato ad ospitarla, la “volontary disclosure” delle attività finanziarie detenute all’estero sta prendendo una fisionomia definitiva. La questione ancora sul tavolo –e da cui dipenderà la scelta sullo strumento legislativo- è il recepimento delle conclusioni della Commissione Greco, in particolare sull’ipotesi di introdurre (se, come e quando) il reato di Auto-riciclaggio nel codice penale. Una modifica questa che, anche a tralasciare gli aspetti epocali sulla lotta all’evasione fiscale, comporterebbe un veicolo normativo “dedicato” e comunque svincolato dalla Legge di Bilancio.
Tornando alla “voluntary disclosure”, pare destinata a dipanarsi l’altra grande questione pregiudiziale sul capitolo voluntary, cioè quella relativa alla norma sull’autoriciclaggio. La nuova fattispecie di reato recepirebbe le conclusioni della Commissione, cioè avrebbe una formulazione ampia e colpirebbe tutte le forme di reimpiego commesse dall’evasore fiscale. Considerando il notevole impatto sul piano della materia fiscale è verosimile che (anche se l’autoriciclaggio fosse confermato nel testo legislativo) la sua entrata in vigore verrebbe posticipata alla fine della finestra per la confessione spontanea dei capitali esteri. Resterebbero, invece, saldi gli altri pilastri della voluntary disclosure, a partire dal pagamento integrale delle tasse evase. In questo la “voluntary” è cosa diversa rispetto agli scudi del decennio scorso, che tra l’altro, avevano garantito l’anonimato del contribuente. Lo sconto sulle sanzioni è il vero snodo della voluntary. Se il patrimonio proviene da Paesi che consentono lo scambio di informazioni con l’Italia, lo sconto potrebbe arrivare alla metà del minimo di legge, in caso contrario esso si fermerà al minimo ridotto di un quarto. Quanto al penale, verranno scriminati tutti i comportamenti non fraudolenti: questi ultimi troverebbero comunque un dimezzamento delle pene. Infine, per i piccoli capitali (fino ad un milione) procedura ad hoc con sanzioni forfettarie.

Back to top button