Banco Popolare: fusione Creberg e altro

La giornata dell’11 c.m. è iniziata con un “informativa”, recuperata all’ultimo minuto da parte aziendale, sulla situazione incresciosa venutasi a creare a seguito di notizie circolate impropriamente sul territorio siciliano, subito dopo la delibera del Consiglio di Amministrazione del Banco che di seguito riassumiamo:

  • 26 nuovi sportelli in chiusura oltre alle 4 chiusure già deliberate nel mese di maggio.
  • trasformazione in spoke di 3 filiali tradizionali e contemporanea chiusura dell’area Catania Nord.
  • cessione degli sportelli sulla piazza di Roma da divisione Creberg a divisione BPN, chiusura di 3 sportelli sovrapposti e redistribuzione delle filiali della divisione Novara non più su quattro ma su due aree.

I dettagli dell’operazione nonché le ricadute sul personale verranno resi noti con l’apertura della procedura relativa che non dovrebbe tardare molto. Viene chiuso 1/4 degli sportelli in Sicilia per motivi di bassa produttività: è strano che di un problema così grave non se ne sia riscontrata traccia nel piano industriale pubblicato non più tardi di 3 mesi fa… Nel pomeriggio l’argomento fusione Creberg nel Banco ha catalizzato l’attenzione delle OO.SS . Sono infatti arrivate le prime risposte alle nostre richieste di armonizzazione tra i due contratti delle realtà in questione.

E’ stata nuovamente ribadita l’intenzione, da parte aziendale, di perseguire la strada già praticata con lo swap degli sportelli nel 2012 peggiorando quanto già fatto allora, con soluzioni che non denotano certo la volontà di trovare un accordo. Preferiamo per il momento non esprimere altro su questo capitolo, rimandando le valutazioni ai prossimi incontri programmati per la settimana entrante. L’ordine del giorno calendarizzato per la giornata del 12. cm – ovvero la fruizione delle giornate di solidarietà e del social hour – sembra essere stato l’unico momento di reale interesse aziendale di tutta la settimana. La proposta dell’azienda prevede, per il periodo 2014-2015, la fruizione di un plafond di 100.500 giornate lavorative, in parte facoltative e in parte obbligatorie.

Su tale ipotesi ci siamo riservati di fornire una valutazione unitaria e nell’occasione uscirà ovviamente una specifica comunicazione.

COORDINAMENTI GRUPPO BANCO POPOLARE DIRCREDITO FABI FIBA-CISL FISAC-CGIL SINFUB UGL CREDITO UILCA

2014.06.14 Fusione Creberg e Altro

Back to top button