Gruppo Banco Popolare: FERIE e altro, istruzioni per l’uso

Riceviamo numerose segnalazioni dai colleghi sul fatto che sono oggetto di insistenti sollecitazioni, da parte dei Gestori risorse, allo smaltimento di residui ferie, non del 2013 o 2014, come sarebbe legittimo, ma ante 2013.
Ricordiamo allora, una volta per tutte e chiaramente, il combinato disposto degli Accordi sindacali del 17/04/2013 e del 23/01/2014, ribadito con puntualità nella stessa circolare aziendale del 30/7/2013.
In questi accordi viene stabilito l’obbligo dello smaltimento delle ferie 2013 e 2014 nell’anno di competenza. Solo per il 2014 si stabiliva l’eventuale possibilità di non inserire nella programmazione di inizio anno uno zainetto di 3 giorni da utilizzare spot e, comunque , se non utilizzate, da programmare entro il 31/10 e sicuramente da fruire entro il 31/12 di quest’anno, giusto quanto detto sopra.
Quindi l’Azienda può pretendere siano smaltite le tutte le ferie dell’anno in corso e anche quelle del 2013 che, a vario titolo (maternità, Social Hour e lunghe assenze per malattia), non fossero state fruite.
Invece, le ferie arretrate ante 2013, come anche recita la circolare aziendale del 30/7/2013, sono da smaltire entro e non oltre il 31/12/2015.
Questi gli obblighi cui i colleghi devono rispondere in base agli Accordi sindacali: e’ chiaro che chi ha pesanti stock di ferie arretrate è opportuno, anzi consigliabile, che concordi, con il proprio Responsabile, un piano di smaltimento graduale fin d’ora, magari anche fruendo già qualche giornata, dato che poi nel 2015 dovrà smaltire anche le ferie di competenza dell’anno.
Invece, abbiamo in realtà verificato che alcuni Gestori, insistono, soprattutto con chi ha da 1 a 5/6 giorni residui, (ante 2013) per la fruizione immediata e che addirittura, di fronte alla resistenza dei colleghi, gliele collocano d’ufficio in date a gradimento aziendale,
Questo non e’ accettabile: vengono così penalizzati coloro che sono stati sempre virtuosi nello smaltimento delle ferie e che, magari, quelle poche giornate rimaste è stata proprio l’Azienda, per motivi organizzativi e di carenza di organico, ad impedire loro di farle.
Abbiamo posto il problema al tavolo negoziale e ci è stata data rassicurazione che i Gestori, per zainetti fino a 3/5 giorni, non insisteranno più sullo smaltimento entro fine anno.
A giorni dovrebbe uscire una Circolare in proposito.
Vi invitiamo a segnalare eventuali forzature da parte dei Gestori del personale e rimaniamo a disposizione per ogni eventuale chiarimento si rendesse necessario.
Per le forzature già poste in essere vi invitiamo a chiedere al Gestore di annullare il provvedimento: in mancanza, segnalateci il caso.
BANCA ORE:
Approfittiamo per rammentarvi nuovamente lo smaltimento stock banca ore.
La banca ore dell’anno in corso é da smaltire entro il 31/12, tranne quelle maturate in novembre e dicembre, per le quali c’è tempo fino al 31/3/2015 (lo stesso principio era valso per la banca ore 2013).
Abbiamo poi recentemente firmato un verbale che salvaguarda i lavoratori che, non essendo riusciti a smaltire negli ultimi mesi i propri residui di banca ore, non rischiano di veder cancellata la propria dotazione:

  • ore ante anno 2012: la scadenza di settembre 2014 è stata prorogata al 15 Marzo 2015; gli interessati dovranno indicare la programmazione al proprio responsabile che la convaliderà in relazione alle esigenze di servizio; eventuali variazioni connesse a ragioni organizzative saranno oggetto di ulteriore programmazione
  • ore anno 2012 : decorsi 24 mesi dalla data della maturazione, l’azienda potrà collocare il personale a riposo a titolo di banca ore anche in maniera unilaterale
  • ore anno 2013 : anche in questo caso l’azienda, qualora il lavoratore non le abbia pianificate, potrà collocare unilateralmente il personale in banca ore, che quindi non andrà persa

In ogni caso consigliamo a tutti di procedere al più presto a “prenotare” i periodi per una fruizione concordata.
Ricordiamo inoltre che, come l’anno scorso, entro il 31/12 devono essere fruite anche le ex-festività, in quanto non monetizzabili o compensabili.

Back to top button