Banco Popolare: la semestrale di Roma

Il 4 dicembre scorso si è svolto l’Incontro Semestrale (ai sensi del vigente CCNL) tra le scriventi RSA di Roma e l’Azienda, rappresentata dalla Gestione del Personale e dalla Delegazione delle Relazioni Sindacali.
Dopo non poche difficoltà è stato raggiunto l’obiettivo di riportare nella sede naturale le tematiche principali che toccano il Territorio Romano all’indomani della Procedura che ha portato alla riorganizzazione della Rete con la fusione del Creberg nel BP, la creazione di due nuove Aree Affari e l’uscita di Personale per l’adesione al Fondo di Solidarietà (l’ennesimo) in misura sicuramente eccezionale e non prevedibile.
A fronte di queste premesse si è ritenuto indispensabile, urgente e non più procrastinabile un confronto sul Territorio che mancava da tempo, focalizzando la riunione sulle seguenti tematiche:
SITUAZIONE RETE – Sono state illustrate in modo dettagliato le criticità di ogni singolo Sportello, con particolare riguardo a: organici e relativi carichi di lavoro, problematiche operative, carenza di “cassieri” (causa di sostituzioni sempre più frequenti e in alcuni casi di ritardate aperture degli sportelli), Gestori di Portafogli sovradimensionati, avvicendamenti nei ruoli che deriveranno dagli annunciati trasferimenti e che in alcuni casi, oltre che essere mortificanti per i Colleghi coinvolti, potrebbero essere causa di demansionamento, riunioni “volontarie” dopo le 17,00 per “giovani” Colleghi delle Aree Professionali, esasperanti pressioni commerciali, problematiche relative agli “Ambienti di Lavoro – Salute e Sicurezza” (sulle quali hanno avuto modo di intervenire nel dettaglio i competenti RLS presenti).
SITUAZIONE UFFICI DIREZIONALI VIA CARUCCI – In merito a questo punto l’Azienda, pur confermando la validità dell’Accordo siglato in data 14 dicembre 2010, ha preannunciato che, come previsto dallo stesso, valuterà di nuovo l’elasticità degli orari di lavoro a suo tempo concessi (relativamente quindi alle singole posizioni). A tal riguardo le scriventi RSA hanno nuovamente illustrato le peculiarità del Territorio Romano e le note e diffuse difficoltà di spostamenti che caratterizzano lo stesso e che sono state alla base delle motivazioni che hanno portato alla sottoscrizione dell’Accordo di cui sopra.
LIVELLI OCCUPAZIONALI E RICAMBIO GENERAZIONALE – Le scriventi RSA hanno inoltre evidenziato che le prossime uscite di Personale dovute ai recenti accordi sugli “Esuberi sul Territorio della Capitale”, concorreranno a diminuire ulteriormente un organico già sotto dimensionato, sia per la Rete sia per le attività di Sede e dei Crediti Speciali. A tale proposito è stato richiesto un intervento che favorisca almeno in parte il ricambio generazionale del Personale del Polo Romano tramite nuove assunzioni e/o accoglimento di domande di trasferimento provenienti da altre regioni, garantendo nel contempo la tenuta dei livelli occupazionali e delle attività sul Territorio.
Nel corso di un previsto prossimo incontro (che si auspica avvenga in tempi brevi) l’Azienda dovrà fornire dati e risposte alle problematiche sopra illustrate e sarà cura delle scriventi aggiornarVi tempestivamente.
Roma, 11 dicembre 2014.
RSA DIRCREDITO – FABI – FIBA CISL – FISAC CGIL – UGL CREDITO – UILCA BANCO POPOLARE ROMA

Semestrale Roma – 4 dic 2014 – DEF

Back to top button