L’apprendimento tra esperienza e neuroscienze

I giorni 18 e 19 Ottobre 2012 è stato portato in aula a Impruneta (FI) “L’apprendimento tra esperienza e neuroscienze” per le compagne e i compagni della rete formatori FISAC/CGIL Nazionale. Il corso si è svolto secondo, secondo il programma seguente:

L’apprendimento tra esperienza e neuroscienze

…..insegnare, apprendere, ristrutturare…

Obiettivi:  Coniugare le conoscenze (il sapere) ,con le capacità (il saper fare) con la coerenza e la propria personalità (il saper essere)  per interpretare il ruolo di formatore inteso come esperto nei processi di apprendimento.

  • Parla prima al cervello e poi alla mente
  • La motivazione ad apprendere e a far apprendere
  • La proattività e la reattività dei partecipanti (il contratto d’aula)
  • Come ristrutturare il clima emotivo iniziale
  • I modelli di apprendimento più funzionali
  • Il ciclo di Kolb, il modello di Liss,  l’apprendimento attivo
  • Conoscere e utilizzare le intelligenze multiple e l’intelligenza emotiva

 

  • Gli strumenti di facilitazione dell’apprendimento: la memorizzazione, la ridondanza, il chunking
  • Il ruolo delle emozioni
  • L’ansia e lo stress nemici dell’apprendimento
  • La valutazione come strumento di rinforzo degli apprendimenti
  • Il gruppo che apprende (dalla visione personale alla visione di gruppo)
  • Le mappe mentali e la mappa del formatore

 

L’intervento era diretto alla nascente rete dei formatori FISAC/CGIL.

Il corso è stato tenuto dalla Dottoressa Antonietta Perugini, dell’Università Cattolica di Roma.

Hanno partecipato 16 formatori (10 uomini e 6 donne) provenienti dalla maggior parte delle regioni italiane, compresi i componenti dell’Ufficio Formazione Nazionale, per la Segreteria Nazionale era presente Elena Aiazzi.

Il livello di partecipazione da parte delle discenti e dei discenti è stato molto elevato, e le esercitazioni hanno evidenziato un soddisfacente livello di raggiungimento degli obiettivi didattici. Inoltre, è stato molto elevato l’impegno dimostrato dai discenti nel corso dei lavori di gruppo. Altrettanto alta è stata la partecipazione alle discussioni in aula.

 

Photo credit: Omar A. / Foter / CC BY-SA