Deutsche Bank: lettera all’Azienda in merito all’emergenza Covid-19


 

In allegato la copia della lettera che abbiamo inviato alla Direzione DB in merito all’emergenza Covid-19.

Come ben sapete, le Organizzazioni Sindacali in DB hanno avviato un confronto costante con l’Azienda fin dai primi giorni della “crisi” per richiedere l’implementazione di tutte le misure atte a contenere il più possibile il fenomeno.

Tra le richieste subito avanzate c’erano:

  • dotazione di igienizzanti/disinfettanti per tutti i luoghi di lavoro
  • misure atte a regolare il flusso della clientela agli sportelli
  • attivazione dello smart working a tutte le realtà ove ciò sia praticabile
  • blocco di tutti i corsi di formazione (anche quelli legati ad Aurora) e tutte le missioni

Anche alla luce dei recenti provvedimenti governativi dobbiamo tuttavia evidenziare alcuni aspetti nella gestione della situazione che necessitano di un intervento rapido e chiarificatore nella logica della maggior tutela possibile della salute di Colleghi e Clienti e della trasparenza delle disposizioni emanate.

Nello specifico, con la lettera in allegato, abbiamo richiesto di:

  • tenere altissimo il presidio dell’applicazione delle nuove norme relative alla mobilità, anteponendo il principio di precauzione, adottato da altre aziende, rispetto a qualunque altro tipo di valutazione
  • limitare il più possibile ogni  spostamento  nell’ambito e tra le varie zone di contenimento identificate dal Decreto 8 marzo, con particolare riferimento ai viaggi che comportino entrata ed uscita da Territori con rischio differenziato e circoscrivendo anche gli spostamenti di altra natura limitando gli stessi al minimo e solo per esigenze oggettivamente indifferibili, tenendo comunque presente che il principio cui informarsi può anche prevedere la necessità di attuare un’operatività ridotta, anche in termini di orario giornaliero, in talune Agenzie
  • far cessare ad ogni livello di qualsiasi forma di “pressione commerciale”, assolutamente non in linea con la logica e con la consapevolezza del periodo che stiamo affrontando
  • approvvigionare di materiale sanitario tutti i luoghi di lavoro, realizzando tutti gli sforzi necessari per completare gli interventi previsti, anche alla luce dei numerosi casi segnalatici di carenza nelle forniture, a partire da quella di “gel sanificante”
  • chiarire e  regolamentare in maniera più stringente i criteri di accesso agli Sportelli della Rete, fornendo indicazioni precise circa i criteri da adottare  per rispettare le previsioni governative non escludendo la possibilità di eventuale chiusura temporanea o di accesso regolamentato in caso di sovraffollamento
  • individuare al più presto accorgimenti (segnalazioni, cartelli, divisori) che consentano il mantenimento della distanza di sicurezza tra Colleghi e clienti

Resta infine confermata la richiesta avanzata dalle Segreterie Nazionali per tutto il settore in termini di permessi retribuiti speciali in ordine all’attuale situazione che coinvolge a vario titolo diversi Colleghi a partire dai Genitori di figli in età scolare.

Segreterie Organo di Coordinamento
FABI – FIRST – FISAC – UILCA – UNISIN

scarica la lettera all’Azienda

Back to top button