UBI: emergenza COVID-19, aggiornamento 23 marzo 2020


GRUPPO UBI – Emergenza COVID-19

Riunione tavolo permanente Sindacati/Azienda

Aggiornamento 23 marzo 2020

 

Dalla comunicazione aziendale del 22 marzo 2020:

“A partire da oggi i clienti saranno avvisati con tutti i canali a disposizione della Banca circa la necessità di contattare preventivamente la filiale prima di eventualmente recarsi – solo per ragioni di necessità improrogabili – fisicamente agli sportelli in modo da verificare il modo migliore per soddisfare l’esigenza, l’orario per svolgere l’operazione e se la stessa non possa essere svolta da casa.”

Le OO.SS. hanno sempre ribadito come la gestione della clientela negli sportelli “solo previo appuntamento” rappresenti un ulteriore importante e fondamentale passo in avanti nella tutela dei propri dipendenti.

Per rendere il più efficace possibile questo provvedimento abbiamo evidenziato oggi alla banca la necessità di comunicazioni/avvisi da esporre fuori dalle filiali e sul sito istituzionale che veicolino chiaramente il messaggio della necessità del contatto preventivo telefonico.

Nei prossimi giorni rappresenteremo alla banca le segnalazioni e le problematiche che i colleghi ci segnaleranno sull’applicazione e sugli effetti pratici di questa nuova modalità organizzativa.

 

 

ACCESSO ALLE FILIALI

Con comunicazione ai dipendenti (vedi sopra), domenica 22 marzo, l’azienda ha recepito la richiesta fatta dalle OO.SS. di ricevere la clientela con accesso “limitato e differito”.

Il messaggio è forte e chiaro: è necessario che il cliente contatti la filiale prima di recarsi in banca.

Ciascuno è chiamato a gestire questa importante decisione aziendale con il massimo sforzo e con tutti gli accorgimenti del caso per la tutela della vita dei dipendenti.

 

ULTERIORI CHIUSURE

Il Gruppo UBI ha disposto ulteriori 42 chiusure temporanee di filiali nelle provincie di Brescia e Bergamo. Oltre a queste, come da disposizione delle autorità locali, ha disposto la chiusura di tutte gli sportelli nella città di Rimini.

In entrambi i casi la chiusura riguarda l’accesso al pubblico, mentre il personale sarà presente in filiale per l’orario stabilito.

 

OPERATIVITÀE RESPONSABILITÀ

Ricordiamo di attenersi alle normative rispetto alla effettuazione di operazioni tramite canali non usuali: nulla cambia, secondo l’azienda, rispetto all’eventuale imputazione di responsabilità per eventuali operazioni non corrette.

 

PROTEZIONI SANITARIE

Proseguono le distribuzioni dei Kit sanitari. Ad oggi sono oltre 22.000 mascherine distribuite nelle filiali. Abbiamo ribadito l’assoluta necessità di fornire a tutte le strutture gli adeguati strumenti di protezione “con la massima urgenza”. La banca ha evidenziato le enormi difficoltà nel recepire le mascherine e che ogni fornitura viene requisita dalla Protezione Civile per destinarla prioritariamente al settore sanitario. Comunque, già da domani dovrebbe iniziare la distribuzione di uno stock di circa altre 50.000 mascherine.

 

BARRIERE PLEXIGLAS

Sono invece in rapida diffusione le installazioni dei pannelli di plexiglass a protezione del contatto diretto con la clientela. Circa 5.000 le barriere su tutto il territorio nazionale.

 

ATTIVAZIONE DELLO SMART WORKING PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI DI RETE

Sono in attivazione oltre 3000 postazioni di SW per addetti commerciali della rete che si aggiungono alle altre 10.000 già presenti: gradualmente l’operatività in SW sarà concessa, a chi può svolgere il proprio lavoro da domicilio.

 

ATTIVAZIONE DELLO SMART WORKING PER UBI ON LINE

Sono in corso di distribuzione i PC a partire dagli uffici lombardi per consentire al più presto l’attivazione dello SW anche per i lavoratori di Ubi On Line, ai quali si affiancheranno alcune decine di colleghi per il supporto dovuto all’aumento dei contatti.

 

QUESTIONI URGENTI DA DEFINIRE

PAGAMENTO PENSIONI

Alla nostra richiesta della necessità di misure chiare per gestire il pagamento delle pensioni la banca ha riferito che la data di pagamento del 26 marzo riguarda solo le Poste mentre per quanto riguarda le banche la data rimane quella del primo giorno del mese. Senza una precisa regolamentazione si rischia un afflusso confuso e pericoloso agli sportelli bancari: ai circa 5.000 pensionati che nel nostro Gruppo ritirano la pensione in contanti si aggiungeranno quelli sprovvisti di bancomat per il prelievo. Attendiamo a breve una disciplina chiara da parte di UBI.

PREVISIONI DECRETO “CURA ITALIA”

E’ in corso di rilascio da parte di UBI della circolare sulle misure previste dal decreto “Cura Italia” relativamente ai permessi aggiuntivi Legge 104 e sui congedi parentali straordinari pagati al 50%.

CARICAMENTO BANCOMAT

Siamo ancora in attesadi chiarimenti sulle modalitàoperative di caricamento dei bancomat per le filiali chiuse, in particolare i minisportelli.

______________________________

Ribadiamo la necessità di contattare personalmente (senza tramite del responsabile, gestore ecc) il medico competente per la segnalazione di qualsiasi situazione sospetta: medico.competente@ubibanca.it

 

Bergamo, 23 marzo 2020

Fabi – First/Cisl – Fisac/Cgil – Uilca/Uil – Unisin
Coordinamenti Gruppo UBI