UBI: Ops Intesa Sanpaolo e revoca delle ferie atto grave e unilaterale

Nel pomeriggio di ieri si è svolto un incontro in cui l’azienda ha comunicato ai Coordinatori delle Organizzazioni sindacali le soluzioni organizzative individuate per far fronte all’operatività derivantedall’OPS di Intesa San Paolo su UBI.
Tali soluzioni (rappresentate da una attività di collaborazione tra filiali limitrofe e nella creazione di unatask force) avrebbero avuto, tra l’altro, la finalità dichiarata di assicurare adeguati livelli di servizio senza dover intervenire (se non in limitatissimi casi) sui piani ferie.

A distanza di poche ore e senza che da parte aziendale fosse pervenuta nessuna ulteriore e diversa comunicazione, abbiamo iniziato a ricevere notizia direttamente dalle colleghe e dai colleghi coinvolti (responsabili di filiale, consulenti premium e famiglie/privati) di una massiva revoca delle feriepianificate nel mese di luglio.

Riteniamo estremamente grave questa decisione che rischia di ledere irrimediabilmente il diritto a un meritato periodo di riposo e di recupero psico-fisico, la cui importanza, nell’anno dell’emergenzaepidemiologica (nonché dei rischi e dello stress che ne sono derivati) dovrebbe risultare evidente ed essere tenuta nella debita considerazione da UBI.

La revoca delle ferie (per quanto ovviamente accompagnata dal ristoro delle spese sostenute secondo quanto previsto dal Contratto nazionale – v. oltre) impedirà alla maggior parte delle lavoratrici e dei lavoratori di UBI di poter trascorrere il periodo di vacanza programmato in compagnia dei propri cari(a loro volta vincolati da piani ferie prefissati e ormai non modificabili).

Per la mattinata di oggi è previsto un ulteriore incontro con l’azienda, sollecitato unitariamente dalle Organizzazioni sindacali per chiedere conto delle iniziative adottate da UBI, del cui esito vi daremo tempestivamente notizia.
Al momento non possiamo comunque non esprimere insoddisfazione rispetto al livello di interlocuzionecon l’azienda, elemento che desta particolare preoccupazione nella fase che ci apprestiamo ad affrontare.

In conclusione riportiamo nel riquadro che segue quanto stabilito in materia di spostamento delle feriedall’art. 55 del vigente CCNL.

Art. 55 – Ferie (estratto)

  1. L’impresa può richiamare l’assente prima del termine delle ferie quando urgenti necessità di servizio lo richiedano, fermo il diritto del dipendente di completare le ferie stesse in un periodo successivo,con diritto al rimborso delle spese derivanti dall’interruzione che il lavoratore/lavoratrice dimostri di aver sostenuto.
  2. Detto rimborso viene effettuato anche per le spese di viaggio, di vitto e di alloggio sostenute duranteil viaggio di rientro in servizio a richiesta dell’impresa, nonché per l’eventuale ritorno nella località incui il lavoratore/lavoratrice si trovava in ferie al momento del richiamo in servizio.
  3. Il rimborso ha luogo anche nel caso di spese conseguenti allo spostamento, per necessità di servizio, del turno di ferie precedentemente fissato.