Antiriciclaggio: UIF ed enti locali

L’Unità di Informazione Finanziaria (Uif) ha pubblicato il Bollettino 2011-2021 Le Segnalazioni di Operazioni Sospette delle Pubbliche Amministrazioni Periferiche, che analizza i dati di dieci anni di Segnalazioni nella Pa periferica.

L’analisi evidenzia che, pur in presenza di una Normativa e di un perimetro pubblico molto ampio, le varie Pa hanno istituito ed iscritto solo 151 Enti Gestori Antiriciclaggio Uffici incaricati all’individuazione dei presunti reati di riciclo di denaro sporco compiuti da privati nei rapporti con la Pa, che vengono poi segnalati alle Autorità della Banca d’Italia.

La non osservanza di queste disposizioni può generare la responsabilità dirigenziale, come da Ordinamento del lavoro pubblico. Infatti il sistema antiriciclaggio della Pubblica amministrazione ha la funzione di prevenzione, controllo in procedimenti di autorizzazione/concessione e nelle procedure di appalto o di erogazioni finanziarie.

Nell’anno 2017 (introduzione art.10 Dlgs.231/07 (Normativa antiriciclaggio) che ha imposto il dovere di collaborazione della Pa) erano 44 le Pa iscritte al Portale Infostat. Con la pubblicazione da parte dell’Uif di un Set di indicatori per agevolare le amministrazioni nell’individuazione delle Sos si è, ora, arrivati ad un totale di 151 Gestori.

Nello scorso anno le Segnalazioni di Operazioni Sospette sono state 123.714 da parte di Banche, Poste, altri Soggetti finanziari, 15.682 dagli Studi professionali e 128 dalla Pubblica amministrazione (436 dall’introduzione della Normativa antiriciclaggio nel 2007).

Sono molti gli indicatori che segnalano i fattori di rischio negli uffici della Pa. Tra l’anno 2018 e l’anno ed il 2021 la Guardia di Finanza e le Procure regionali della Corte dei Conti hanno contestato 15,6mld di danni all’Erario eseguiti da 19.417 soggetti. Secondo il Report dell’Uif, l’avvio della fase operativa del Pnrr rende ancora più necessario che le Pa accrescano la loro sensibilità per evitare che le risorse pubbliche  vengano di fatto sottratte alle loro finalità pubbliche e che l’intervento di supporto rappresenti un’occasione per la criminalità organizzata.

 

 

Back to top button