BNL: nel riprendere il dialogo occorre perforare il…

    Su un muro di gomma sbattono e si arenano le frustrazioni e lo sconforto dei Dipendenti BNL di ogni ordine e grado, un muro di gomma fatto di organici drammaticamente insufficienti, processi e procedure farraginose, modelli di servizio inattuabili e budget irraggiungibili. Sul muro di gomma rimbalzano le richieste di uscita dal ruolo, di supporto operativo, di DIGNITA’ lavorativa oramai persa. E sullo stesso muro di gomma si infrangono le richiesta dei clienti, disorientati, spaesati e lasciati ad attese infinite, tra tanti gestori che mancano fisicamente nel ruolo, altri che vanno in pensione o rassegnano le dimissioni e nessuno che viene prontamente sostituito. La cosa che lascia sconcertati e che questa situazione è identica in tutta ITALIA: Il Polo Direct business ad esempio, è partito con gestori in numero significativamente inferiore a quelli previsti dall’organico pianificato e assegnando ai gestori portafogli multi agenzia di oltre 900 clienti. Tra l’altro con la totale assenza di un corpo normativo che metta in sicurezza dai rischi operativi. Lo sgomento è così profondo che non si contano più le richieste di uscita dal ruolo a soli 4 mesi dalla partenza. A tutto questo va aggiunto che l’innovativo POLO DIRECT, a parte qualche KYC, a …

    BNL: tre accordi per ripartire

    VAP, WELFARE, Formazione Finanziata e Godimento delle permissività. Dopo 12 mesi dove il confronto sindacale nella nostra azienda non aveva trovato il giusto binario e dove ci sembrava di parlare lingue diverse, le Organizzazioni Sindacali hanno trovato gli spazi che servivano per firmare accordi con la direzione aziendale. Il confronto non è stato facile ed è durato quasi un mese. Un mese che è servito per ristabilire delle basi di dialogo e superare le diffidenze dovute alle rigidità mostrate in questo anno. Rigidità dovute anche a richieste ritenute ingiustificabili che non hanno consentito un negoziato aperto e franco. Nei 2 giorni appena conclusi le parti hanno provato a sgomberare il tavolo da risentimenti e valutazioni che avrebbero potuto allontanare definitivamente le rappresentanze. Questo non significa “rivedere” le posizioni sostenute nel recente passato. Ma si è ritenuto necessario un atto di responsabilità per portare dei risultati alle lavoratrici e ai lavoratori. A suggellare questo “nuovo corso” – che come Sindacato auspichiamo si consolidi – anche un breve ma intenso incontro tra le Organizzazioni Sindacali e L’AD Elena Goitini. Ma andiamo con ordine. INCONTRO CON AD: Nelle more dell’intenso negoziato avuto in questi due giorni le Organizzazioni Sindacali hanno ritenuto importante avere …

    Il governo attenziona BNL

    Partnership/Cessione con Accenture… Venerdì 29 aprile l’azienda ha comunicato alle lavoratrici e ai lavoratori nel perimetro della cessione oggetto dell’operazione SAVOY che ci sarebbe stato uno slittamento degli effetti della procedura (la cessione appunto) a causa di “una richiesta di ulteriori informazioni da parte delle autorità competenti nell’ambito della cosiddetta procedura Golden Power”. La stessa comunicazione è stata data telefonicamente dalle relazioni industriali alle rappresentanze sindacali specificando che “le ulteriori informazioni” richieste fossero afferibili ai flussi dati da BNL ad AST. Per Golden Power si intende (in parole povere) il diritto di uno stato a difendere i propri interessi e per questo a porre veti su operazioni societarie qualora vi fossero le condizioni. Di fatto la disciplina ha sostituito la Golden Share. La disciplina di cui sopra è stata applicata al settore assicurativo e finanziario sul finire del 2021 e quindi c’è pochissima letteratura in merito. Le scriventi organizzazioni sindacali dall’inizio hanno criticato le esternalizzazioni in atto, ponendo in essere diversi interventi con la politica, presidi, due scioperi ed arrivando a non firmare ben 3 importanti accordi (tra i quali proprio la cessione dei 7 rami d’azienda destinati ad Accenture). Le motivazioni della contrarietà sono state di ordine politico e …

    Gruppo BNL

    BNL: ha vinto il diritto, il 24 sarà SCIOPERO

    BNL: ha vinto il diritto, il 24 sarà SCIOPERO

    Hanno vinto i lavoratori! “Si ritiene che […] l’astensione collettiva, indetta per il 24 gennaio 2022 sia legittimamente proclamata.” È…
    BNL: le ragioni dello sciopero del 24- Il video volantino

    BNL: le ragioni dello sciopero del 24- Il video volantino

    Il video volantino con le ragioni dello sciopero di BNL, confermato per il 24!
    BNL: la banca… contro

    BNL: la banca… contro

    Dopo aver tentato di sminuire il risultato dello sciopero del 27 dicembre, dopo aver rifiutato ogni serio tentativo di trattare…
    BNL: mobilitazione su tutti i fronti, dagli scioperi ai tribunali

    BNL: mobilitazione su tutti i fronti, dagli scioperi ai tribunali

    Le organizzazioni sindacali, di fronte ad uno scenario sempre più critico per il futuro di tutte le lavoratrici ed i…
    BNL: Corso… di cucina

    BNL: Corso… di cucina

    Mentre i colleghi sono sulla graticola per le cessioni di ramo d’azienda, il management BNL si balocca in cucina preparandogli le…
    BNL: il 24 gennaio sarà ancora sciopero

    BNL: il 24 gennaio sarà ancora sciopero

    Da mesi le scriventi Organizzazioni Sindacali si confrontano con la controparte aziendale alla ricerca di una soluzione a questa drammatica…
    BNL: oltre l’arroganza, c’è il ridicolo

    BNL: oltre l’arroganza, c’è il ridicolo

    La BNL si scontra con una scomoda realtà ed inventa il suo tasso di adesione allo sciopero! La Bnl dopo…
    BNL, Baseotto: “la banca rifletta attentamente”

    BNL, Baseotto: “la banca rifletta attentamente”

    I dipendenti della banca già di proprietà del Tesoro protestano contro il piano di esternalizzazioni annunciato dall’azienda controllata dal gruppo…
    Back to top button